Chiesa Madre di Diamante

Essere e avere

Il Caffè della Bellezza > essere e avere

Gesù dice: “Beati i poveri in spirito per di essi è il regno dei cieli”. La differenza fra il “ricco” ed il “povero in spirito” sta nel fatto che il primo vive la vita facendo i conti con i beni materiali, magari li conta e li riconta; il secondo, la cui povertà in spirito l’ha guidato a condividere, liberandolo dal possesso, vive la vita godendo il “regno dei cieli”. Che cos’è questo “regno dei cieli”? Provo ad immaginare. E’ tutto quello che di bello, di meraviglioso e di gioioso possa esserci, adesso in vita, e anche dopo…Sono quelle situazioni di verità, di amore, di accoglienza, di condivisione, quelle narrazioni di stupore e di mete raggiunte, che ti fanno esclamare: oggi sono al settimo cielo; oppure: ho toccato il cielo con un dito. E tutto questo perché sono consapevole che di mio ci ho messo l’impegno, la volontà; ho speso e rischiato i doni che ho ricevuto dal Buon Dio e non mi stanco di ringraziarlo perché mi ricolma della sua presenza, servendosi delle persone che mi vogliono bene, servendosi del sole e della pioggia, della neve e del vento dentro una varietà di luce, di calore e di colore che non mi lasciano annoiare. Il povero in spirito vive appieno la cultura e la logica del dono, il ricco fa fatica ad entrare in questa dinamica perché spesso rimane impigliato nel possesso. Il povero in spirito ama il verbo essere, il ricco ama il verbo avere.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp