Chiesa Madre di Diamante

Riflessione della domenica 8 Marzo 2020

jesus-wept-1313925

II Domenica di Quaresima Mt 17,1-9

1 Sei giorni dopo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni suo fratello e li condusse in disparte, su un alto monte. 2 E fu trasfigurato davanti a loro; il suo volto brillò come il sole e le sue vesti divennero candide come la luce. 3 Ed ecco apparvero loro Mosè ed Elia, che conversavano con lui. 4 Pietro prese allora la parola e disse a Gesù: «Signore, è bello per noi restare qui; se vuoi, farò qui tre tende, una per te, una per Mosè e una per Elia». 5 Egli stava ancora parlando quando una nuvola luminosa li avvolse con la sua ombra. Ed ecco una voce che diceva: «Questi è il Figlio mio prediletto, nel quale mi sono compiaciuto. Ascoltatelo». 6 All’udire ciò, i discepoli caddero con la faccia a terra e furono presi da grande timore. 7 Ma Gesù si avvicinò e, toccatili, disse: «Alzatevi e non temete». 8 Sollevando gli occhi non videro più nessuno, se non Gesù solo.
9 E mentre discendevano dal monte, Gesù ordinò loro: «Non parlate a nessuno di questa visione, finché il Figlio dell’uomo non sia risorto dai morti».

Riflessione

Poche battute per entrare in questo meraviglioso fatto della vita di Gesù, dei discepoli e di ogni uomo che crede nello “splendore”, scoperto, contemplato e vissuto sul monte Tabor. Gesù è sempre “brillante come il sole” e rivestito “di luce”. La difficoltà sta nei discepoli e sta in noi a saperlo vedere ed accogliere così. Egli conduce i tre apostoli in alto e “depone” questo velo che copre il loro cuore ed i loro occhi; così possono guardare estasiati il loro maestro fino a dire: “è bello per noi restare qui..”. E’ la bellezza che soddisfa, che è amata, così come la ama il Padre: “questo è il Figlio mio, l’amato”. Gesù vuole dire chiaramente che questa è la vocazione di ogni uomo: essere Luce, Bellezza! Pensiamo all’umanità (Adamo ed Eva) al principio: erano vestiti della sola “pelle” e non sentivano vergogna. La pelle era il segno della loro bellezza e della loro luce. Col peccato hanno perduto l’innocenza e quindi lo splendore e la luminosità dell’intera loro persona. Gesù sul monte della Trasfigurazione indica ad ogni uomo il bisogno ed il desiderio, e quindi la possibilità reale, di tornare alla dignità e alla nobiltà dell’origine. L’uomo, ogni uomo, tu, io, tutti siamo originati dalla Luce e dobbiamo vivere di Luce e nella Luce. La veste da deporre è quella del “peccato” perché i volti splendano e brillino della stessa luce del sole, cioè siano come Gesù “irradiazione” dello splendore del Padre. E tutto questo è annunciato sempre nella Parola di Dio manifestata in questo meraviglioso incontro di eternità di Mosè (la Legge) ed Elia (la Profezia) con Gesù (l’Amore che salva).

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp