Chiesa Madre di Diamante

Soluzioni sbagliate

fiori Cenisio

15 gennaio 2021 > la donna del vangelo

La donna del vangelo sanguinava, aveva un male e non riusciva a venirne a capo. Che cosa fa? Cerca delle cure, qualcuno che la aiuti e, alla fine il risultato…” nessun vantaggio, anzi peggiorava”. Tanta sofferenza e peggioramento. Quando inizia il dolore più devastante? Quando al proprio male si vuole dare una svolta per vie sbagliate. Il problema c’è, ma le soluzioni sono sbagliate. Si fanno collezioni di terapie devastanti ed autodistruttive. Pensate a ragazze diventate disinibite, capelli con tinte stravaganti, pronte ad intraprendere forzatamente vie che le mostrano diverse di com’erano: atteggiamenti stravaganti, avventure col primo che s’incontra ecc. Pensavano di liberarsi ed invece si fanno più male, cadendo nel baratro. I problemi ci sono, ma tanti cercano soluzioni sbagliate. Qui sta il male ed è ancora più grave. Succede così anche nelle competizioni, quando si vuole raggiungere il livello di altri che sono più avanti e fare le stesse cose e poi si rovina tutto. Ad esempio un tale che nutriva un atteggiamento competitivo con i suoi fratelli che avevano un’impresa, fa di tutto per impiantarne una per sé e con la quale doveva per forza superare quella dei fratelli. Risultato: un matrimonio distrutto e figli segnati dall’ossessione del padre. O una coppia ridotta al lastrico per pagare gli usurai a seguito di una spesa per la festa di un figlio, per dimostrare di essere signori e non poveri. Idea pazza: fare un figurone con una festa che non ti puoi permettere.  Chi gli voleva bene gli diceva: ma che male c’è nell’essere poveri? Non c’è nulla da vergognarsi! Nessun ascolto!  Così la strada degli strozzini diventa la vera povertà!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp