Chiesa Madre di Diamante

good-morning-1386006
don Michele Coppa

don Michele Coppa

La riflessione del giorno

C’è la vita che è un bene assoluto e non …

C’è la vita che è un bene assoluto e non può mai essere trattata come oggetto o manufatto di laboratorio e ci sono i viventi, tutti noi, che abbiamo il dovere di investire, ogni giorno, sulla qualità dell’esistenza. Significa che ogni persona, ogni istituzione, è chiamata a servire la vita nella direzione della salute fisica, psichica e spirituale. Un’attenzione particolare va posta nei confronti delle vite più fragili, dai nascituri agli anziani. Tutti, ma proprio tutti, siamo un valore. La stessa emergenza “natalità” rientra nell’impegno a promuovere la vita. Un popolo sano, vivo non può essere sbilanciato: diminuiscono i bambini e aumentano gli anziani. Puntare sulla qualità della vita, significa far nascere più bambini. Essi sono forza vitale, progetti umani che incidono positivamente sulla società in direzione delle relazioni, economia, cultura, sviluppo e spiritualità. La media di 1,2 di figli significa contribuire all’invecchiamento del proprio paese. Ed è un male per tutti. È tempo di “svegliarsi dal sonno” ed investire sul “sogno” carico di vita nuova.

condividi l'articolO

Condividi su facebook
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email